ZDD's Blog

Piccoli paradisi in Italia: la vista da un colle vicino Pey, #Liguria. #biketrips #byketrip

Piccoli paradisi in Italia: la vista da un colle vicino Pey, #Liguria. #biketrips #byketrip

Nerd Experience

Nerd Experience

TnT @ Passo del San Bernardino. #biketrips - Un’altra meta conquistata!

TnT @ Passo del San Bernardino. #biketrips - Un’altra meta conquistata!

Dog @ Lake #dogs

Dog @ Lake #dogs

La TnT guarda il bellissimo panorama del Passo Maniva #biketrips

La TnT guarda il bellissimo panorama del Passo Maniva #biketrips

TreK Day 2014: Iseo prima della partenza. #Benelli

TreK Day 2014: Iseo prima della partenza. #Benelli

Sustenpass, Switzerland. Must have it in every biker’s toDoList. #biketrips

Sustenpass, Switzerland. Must have it in every biker’s toDoList. #biketrips

Lucca da mangiare: Assaggi di Toscana. Semplicemente divini. #momentsToRemember

Lucca da mangiare: Assaggi di Toscana. Semplicemente divini. #momentsToRemember

#ZZTop @ Ippodromo del galoppo. - Cheap sunglasses!

#ZZTop @ Ippodromo del galoppo. - Cheap sunglasses!

#ZZTop @ Ippodromo del galoppo.

#ZZTop @ Ippodromo del galoppo.

Quelle sere in cui senti in bocca quel sapore amaro…

Quel sapore amaro di quando sembra che il destino abbia preparato l’atto di commiato perfetto per un interprete importante di una storia che si accinge, per motivi dei più disparati, a lasciare il palcoscenico.

Commiato che viene rovinato da un altrettanto classico elemento di rottura che sembra dire: “Andrà bene a te, ma a me proprio no”.

Era così che mi sembrava questa serata: 2 giorni fa sono andato ad assistere a gara 5 della finale di serie A di basket da non tifoso. Tuttavia, da appassionato di basket non posso nutrire rispetto per la storia dell’Olimpia Milano; però, altrettanto da appassionato, sono stato rapito dalla storia recente della Mens Sana Siena, squadra che raggiunge il primo successo in campionato nel 2003/2004, guidata da Recalcati, e che arriva all’apice del suo dominio con la dinastia che vede Pianigiani alla guida di una squadra che pur cambiando spesso faccia vince ben 6 scudetti di fila. 

Sembrava fosse finita, con l’ennesima rifondazione che aveva totalmente stravolto la squadra. E invece, come nel più bello dei sogni, l’araba fenice rinasce dalle proprie ceneri e con Luca Banchi ottiene l’ennesimo, il settimo, titolo consecutivo.

E l’ennesima rifondazione.

La rifondazione dell’anno in cui, a seguito di un’inchiesta della Guardia di Finanza, si scopre che il presidente non aveva fatto così bene le cose… Viene presentata l’istanza di fallimento e per Siena diventa praticamente l’ultimo anno “da grande” prima della ripartenza. La vicenda costringe la società ad un ulteriore ridimensionamento in termini di organico eppure la squadra continua a giocare bene. 

Più passa il tempo e più si oleano i meccanismi che consentono alla Mens Sana di arrivare inaspettatamente in finale con sprazzi di gioco che ricordano la migliore Siena. Ma Milano appare troppo forte: pronti, via, 2-0 per l’EA7 che straccia completamente quella che sembra una squadra che ha ormai recitato il canto del cigno.

Ma ecco che ancora una volta Siena diventa araba fenice e rimonta, pareggia ed addirittura, tornando al forum, lo sbanca (ed io c’ero)!

In cuor mio si forma l’idea che tutto ciò possa essere frutto di un demiurgico piano del destino che, come dicevo all’inizio, potesse essere davvero l’ultimo canto del cigno: la grande squadra più forte dei problemi conquista l’ennesimo titolo prima di tornare praticamente ai dilettanti.

E invece ecco che nell’ultimo minuto prima arriva al pareggio, poi pasticciano un po’ entrambe le squadre ma Siena arriva con la palla in mano ad avere l’occasione di chiudere la partita. Ma evidentemente il destino ha altri piani, Siena perde l’occasione e Curtis Jerrels, giocatore impalpabile fino a quel momento ma che fa parte di quella piccolissima schiera di persone capaci del numero che cambia le sorti di una partita, prende palla e segna, rompendo la parità ed evitando i supplementari.

Non sono un tifoso di Siena, ma sembra quasi che quel destino che sembrava vederla di buon occhio, alla fine abbia deciso di girarsi dall’altra parte per farle pagare le colpe di altri.

Adesso c’è l’ultimo atto di questa fantastica serie in cui si è giocato un basket d’altri tempi: tattico e mentale in primis.

Speriamo.

E comunque vada: GRAZIE MENS SANA.

4 Leoni sulla Colma, altra vista. #momentsToRemember

4 Leoni sulla Colma, altra vista. #momentsToRemember

4 Leoni sulla Colma. #momentsToRemember

4 Leoni sulla Colma. #momentsToRemember

La Sfida, take 2.

La Sfida, take 2.

Leoni d’altri tempi

Leoni d’altri tempi